Tu sei qui: Home Giorno della Memoria Libri storici editi sul tema Dalla Vetta d'Italia all'abisso di Auschwitz. Storia di Elia Levi, un finanziere vittima della Shoah

Dalla Vetta d'Italia all'abisso di Auschwitz. Storia di Elia Levi, un finanziere vittima della Shoah

Dalla vetta Italia 280x400Gerardo Severino

Dalla Vetta d'Italia all'abisso di Auschwitz. Storia di Elia Levi, un finanziere vittima della Shoah 1912-1944

Firenze: casa editrice Giuntina, 2011.

Il libro è la biografia di Elia Levi, un giovane ebreo piemontese che aveva posto nella Guardia di Finanza le sue aspettative di uomo libero e di soldato. Elia, nato a Saluzzo (Cuneo) nel 1912, era figlio primogenito di Marco, un infaticabile tranviere di idee socialiste, e di Gemma Colombo. Abile incisore e tipografo, aveva appena terminato la 4^ classe ginnasiale quando decise di cambiar vita per intraprendere la carriera militare nella Guardia di Finanza. Fu così che nel 1931, dopo aver superato le prove d'arruolamento, fu ammesso a frequentare il corso d'istruzione a Roma. In Finanza, Elia prestò servizio per circa otto anni, spesso anche in luoghi impervi, come la bellissima Vetta d'Italia. Il 15 febbraio 1939, posto in congedo assoluto a causa delle leggi razziali fasciste, il giovane fece ritorno a Saluzzo, dove riprese il suo precedente lavoro di tipografo. Condivise così, unitamente alla sua famiglia, il tragico destino a cui furono condannati tanti altri ebrei italiani. Catturati a Saluzzo nel gennaio 1944, Elia, sua madre Gemma e le sorelle Eleonora e Regina furono dapprima internati a Borgo San Dalmazzo e in seguito deportati ad Auschwitz, dove giunse qualche mese dopo anche il padre Marco. Passeranno tutti per il camino, lasciando a noi solo il ricordo della loro vita e l'anelito per la libertà e la giustizia.

« ottobre 2020 »
ottobre
lumamegivesado
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031