Tu sei qui: Home Giorno della Memoria Le cerimonie e gli eventi Cerimonia di piantumazione dell’ulivo donato dal K.K.L. nella caserma “Arcioni”, sede del Comando Regionale Lazio

Cerimonia di piantumazione dell’ulivo donato dal K.K.L. nella caserma “Arcioni”, sede del Comando Regionale Lazio

Nella mattina del 13 novembre 2013, alla presenza del Comandante Interregionale dell’Italia Centrale della Guardia di Finanza, Gen. C.A. Pasquale Debidda, del Comandante Regionale Lazio, Gen. D. Carmine Lopez, nonché del Presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane(U.C.E.I.), avvocato Renzo Gattegna, del Presidente della Comunità ebraica di Roma, Riccardo Pacifici e del Presidente dell’Onlus Keren Kayemeth Leisrael (K.K.L.), Raffaele Sassun ha avuto luogo nel Salone di Rappresentanza della caserma Ten. F. Arcioni M.A.V.M., sede del Comando Regionale Lazio, la cerimonia di consegna di un albero di ulivo donato da quell’Associazione in memoria dei Giusti della Guardia di Finanza, collocato nella Piazza d’Armi del menzionato Comando Regionale. Con tale gesto si è inteso rammentare alle nuove generazioni la sofferenza patita e l’abnegazione mostrata verso il prossimo da tanti finanzieri, i quali si distinsero in favore dei profughi ebrei e dei perseguitati.
All’evento hanno altresì partecipato tre classi di studenti di diversi Istituti scolastici della Capitale, tra le quali una composta da allievi di religione ebraica.
Apposta ai piedi dell’ulivo è presente una targa commemorativa dell’evento, recante la dicitura: «Per non dimenticare le storie di coraggio di chi, rifiutando l’iniquità delle leggi razziste, rischiò la propria vita per salvare l’altrui esistenza».
Al termine dell’incontro, i partecipanti hanno ascoltato la preghiera dell’albero, recitata dal rabbino della Comunità ebraica di Roma e la “Preghiera del Finanziere”, letta dal capo Servizio assistenza spirituale del comando regionale Lazio, don Enrico Sandro Fazzi.
Nella circostanza sono stati donati dalla Comunità ebraica di Roma alla Guardia di Finanza anche i pregevoli ritratti dei cinque finanzieri riconosciuti “Giusto tra le Nazioni”.