Tenente Paolini Gianmaria

Ten. PAOLINI Gianmaria.
Già comandante della Tenenza e del Presidio di Stretto (Dalmazia), il Paolini aveva raggiunto l'Italia all'indomani dell'8 settembre '43. Raccogliendo sul posto i tanti militari sbandati, civili perseguitati dai nazifascisti (con molta probabilità anche ebrei), ma soprattutto ex prigionieri fuggiti dai campi di internamento, l'Ufficiale sostenne per un ciclo operativo numerosi scontri con i nazifascisti, distinguendosi per coraggio, ardimento e sprezzo del pericolo. Catturato dai tedeschi il 24 marzo 1944, nel mentre si recava in missione nel Nord, il tenente Paolini fu fucilato all'alba del 24 aprile 1944 in San Giovanni Valdarno. Alla sua memoria fu concessa la Medaglia d'Argento al Valor Militare.