Tu sei qui: Home Giorno del Ricordo

Giorno del Ricordo

Militari italiani feriti e A seguito dell'istituzione del "Giorno del Ricordo", che si celebra il 10 febbraio (Legge 30 marzo 2004, n. 92), è stata costituita, in memoria delle vittime delle foibe, dell'esodo giuliano-dalmata e delle vicende del confine orientale, una Commissione presso il Dipartimento per il Coordinamento Amministrativo della Presidenza del Consiglio dei Ministri, incaricata dell'esame delle domande per la concessione di un riconoscimento ai congiunti degli infoibati, alla quale collabora il Capo Ufficio Storico del Comando Generale in qualità di esperto.
Con il D.P.C.M. 24 giugno 2013, i compiti assegnati alla Commissione sono transitati al Gruppo di lavoro appositamente costituito presso il citato Dipartimento della Presidenza del Consiglio.

Per ricordare il sacrificio sostenuto complessivamente dal Corpo nella Venezia Giulia, Istria e Dalmazia dopo l'8 settembre 1943, e tutte le Fiamme Gialle che si sono spinte ben oltre il loro dovere, anche in forma anonima e spesso a costo della stessa vita, il Presidente della Repubblica Italiana, con proprio decreto in data 18 giugno 2008, ha conferito la Medaglia d'Oro al Merito Civile alla Bandiera di Guerra del Corpo con la seguente motivazione:

«I reparti della Guardia di Finanza dislocati lungo il confine orientale, dopo l'8 settembre 1943, pagarono un alto tributo di sangue pur di affermare i principi della legalità, della sicurezza economica-sociale e della salvaguardia dei valori etico-morali. Strenuo baluardo dell'italianità e dell'integrità territoriale, i Finanzieri di stanza nella Venezia Giulia, Istria e Dalmazia rimasero ai loro posti di servizio, dopo l'armistizio, scrivendo pagine luminose di generoso altruismo. Nonostante le centinaia di caduti, le Fiamme Gialle contribuirono alla salvezza del patrimonio sia aziendale che abitativo e, dopo la fine del confitto, prestarono la loro generosa opera di soccorso alle migliaia di profughi Giuliani, Istriani e Dalmati. L'operato dei Finanzieri, spinto anche fino all'estremo sacrificio, ha suscitato l'ammirata gratitudine e l'unanime riconoscenza del Paese. 1943/1945 - Confine Orientale».

La Guardia di Finanza, per onorare i propri caduti, ha inoltre intrapreso specifiche iniziative che hanno portato al conferimento di due Medaglie d'Oro al Merito Civile, alla memoria, concesse a quei militari che maggiormente si distinsero per l'opera prestata a tutela della popolazione civile e delle Istituzioni in Istria, Dalmazia o nelle province dell'attuale confine orientale; si tratta del:


Alla memoria di 9 altri finanzieri, che rimasero in servizio dopo l'armistizio per riaffermare i principi di legalità, sicurezza economico-sociale e svolsero la loro difficile opera in un ambiente ostile, è stata concessa, con D.P.R. in data 26 settembre 2012, la Medaglia di Bronzo al Merito Civile. Si tratta delle: